http://www.uforay.net/wp-content/uploads/2013/10/dinosauri2.jpg

Le parti oscure degli adulti

 

Gli adulti hanno quattro parti oscure, una davanti e una dietro, una a destra e una a sinistra. Le parti oscure si sviluppano lentamente e in alcuni possono variare le dimensioni, da quelle di poche spanne alle dimensioni di una montagna.

Gli adulti che hanno parti oscure grandi come una montagna risultano piuttosto ingombranti. Sarebbe bene buttarli, se si conoscesse un sistema per smaltirli.

La maggiore conseguenza delle parti oscure è l’incapacità – che può avere risvolti isterici – di accogliere rimproveri, critiche o giuste osservazioni su qualcosa di sbagliato che gli adulti in questione abbiano fatto. Si possono osservare le reazioni isteriche dovute a tale incapacità soprattutto nei seguenti luoghi:

- sulle strade, quando gli adulti conducono un’automobile;
– nei supermercati, quando gli adulti acquistano cibo, spingono carrelli e attendono il proprio turno per pagare;
– nei condomini, quando gli adulti dovrebbero rispettare l’altrui diritto alla quiete, ma preferiscono piuttosto oliare il proprio supposto diritto a fare quel cazzo che vogliono, perfino urlare o trapanare a mezzanotte;
– sui marciapiedi, sui sentieri di montagna, sulle spiagge, nei luoghi naturali ancora belli e puliti: le parti oscure costringono gli adulti a ritenere che dopo di loro ci sarà il diluvio, perciò dal mozzicone di sigaretta alla lattina di birra tutto può essere abbandonato sul terreno, perché tanto…

Nei sopraddetti luoghi, qualora si faccia rilevare – anche gentilmente – all’adulto fornito di zone oscure che il comportamento tenuto non è precisamente dei più corretti, si avrà modo di assistere all’esplosione della cosiddetta “SCIMMIA ISTERICA” che, memore delle umiliazioni e delle correzioni subite durante l’infanzia, si darà a strillare e minacciare e spaccare e spintonare pur di non considerare razionalmente e ragionevolmente il rilievo avuto.

Delle quattro parti oscure degli adulti la più pericolosa è quella che sta dietro perché, pensando di non averla, si muovono in modo tale da sbatacchiarla a destra e manca, fino a dartela sulle gambe. O a buttare giù qualunque cosa verticale si trovi nei paraggi.